Stampiamo le foto, perderle fa male alla salute.

A livello psicofisico, soltanto la malattia di un parente stretto peserebbe di più della perdita di foto dal telefonino. Il report è stato pubblicato qualche giorno fa.

Kaspersky Lab ha condotto una ricerca su un campione di oltre 16 mila utenti di internet dai 16 anni in su di 17 Paesi e pare che il 52% salvi foto e video dei propri figli sullo smartphone. L’89% salva sul computer tutte le foto che scatta, l’86% sullo smartphone, il 59% sul tablet e il dato paradossale è il 73% che riconosce nei cyber-criminali una minaccia per la propria privacy ma quasi la metà degli utenti non usa nemmeno una password o un codice “pin” per proteggere i dispositivi. Quella umana è una specie curiosa.

Alle persone è stato chiesto di dare un punteggio allo stress che causerebbero loro diversi scenari, tra cui la malattia di un membro della famiglia, la rottura con un partner, un incidente stradale, la perdita di foto sullo smartphone, dei contatti e altro ancora.

rating_incidents.jpg

In tutto il mondo, la malattia di un membro della famiglia è stata la prima in classifica come l’evento più distruttivo che avrebbero potuto sperimentare. La perdita o il furto di un dispositivo e la perdita di foto digitali, classificate secondo e terzo in più regioni in tutto il mondo, lasciando gli incidenti automobilistici, una rottura con un partner, un brutto giorno al lavoro, le dispute con i membri della famiglia e gli amici e anche in alcuni casi, una malattia di un animale domestico, più bassa nelle fasce di inconvenienti.

La parte più controversa, secondo me, del test riguarda il valore economico dei dati delle persone. Le persone credono di sapere quanto valgano i loro dati, foto incluse, ma finiscono per smentirsi quotidianamente. Per dirne una: quando scarichi un’app e accedi tramite Facebook, gli hai fornito immediatamente tutti i dati e verranno usati a scopi di marketing.

Sempre in questa serie di domande sul valore economico dei dati si è chiesto di rispondere a quanti soldi avrebbe voluto per cancellare una propria foto dallo smartphone e la media è stata di 13 dollari, una miseria. Nonostante si dia un valore sentimentale elevato ad una foto, quello economico è bassissimo. Che è ben diverso da non saperlo definire ed è una forte contraddizione.

Ci sarebbero tante cose da dire, di sicuro dobbiamo migliorare il nostro rapporto con la tecnologia, renderci conto effettivamente del valore delle nostre foto ed affidarci a strumenti di archiviazione più sicuri e duraturi, tipo l’album di famiglia con le foto delle vacanze.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...