…e se proprio ti piace leggere

Matteo OiVe lo dico con un selfie. Eccomi qua, finalmente al riparo, dopo aver preso secchiate d’acqua per fare una foto, diversi tentativi, ad una scalinata sotto la pioggia. Fare una foto per me a volte si trasforma in una vera e propria avventura, dopotutto ogni tanto bisogna rischiare nella vita, come quella volta che..lasciamo stare,mi confermeresti che sono pazzo.

Ogni tanto, mentre passeggio, anche in posti che vedo tutti i giorni, mi capita di vedere il mondo da prospettive diverse e insolite, ad accorgermi dettagli ed elementi che aggiungono quel pizzico di meraviglia alla quotidianità. Questa, credo, magari mi sbaglio, è la base delle mie foto: al bando la banalità e le inquadrature da cartoline.

Dopotutto credo che non esista la fotografia “artistica”. Nella fotografia esistono, come in tutte le cose, delle persone che sanno vedere e altre che non sanno nemmeno guardare.

Se hai letto fino a qua, può darsi che t’interessa un po’ di più sapere chi sono e allora: eccomi qua.